• Contattaci!

    Thanks!

    Grazie, ti risponderemo il prima possibile!

    Required fields not completed correctly.

  • Gallery

    alcune-persone-sono-gay600 some_anim alcune-persone-sono-lesbiche600 alcune-persone-sono-trans600 alcune-persone-sono-diverse-da-te_03 alcune-persone-sono-bisex600 center-noomofobia 936869_363850803735477_255310458_n
  •  
  •  
  • Home
  • /Scuola
  • /Cosa può fare il Personale Scolastico

Cosa può fare il Personale Scolastico

Scarica i Manuali per Studenti, Personale Scolastico e il Report Ufficiale:

2008-Schoolmate-Manuale-per-studenti-150x150 Schoolmate-Manuale-per-insegnanti-150x1512010-Bullismo-Il-bullismo-omofobico-arcigay1-150x150omofobiareportarcigay-150x149

Tutte le pubblicazioni sono disponibili clicccando QUI

Come prevenire gli episodi di bullismo?

Educare
Il bullismo è una dinamica che coinvolge una o più persone che si sentono forti e prevaricano una persona (raramente due o più persone) che viene percepita come più debole. La disparità di “potere” percepita è alla base del fenomeno, che poi viene “spiegato” dai bulli con una “proiezione della colpa” sulla vittima: è perché è nera, è ebreo, è gay, è grassa ecc.

Cosa può fare il personale scolastico?
Un primo strumento di prevenzione del bullismo è sicuramente l’educazione che deve mirare a due obiettivi convergenti:
• informare gli studenti e le studentesse sul fenomeno del bullismo e sui suoi effetti;
• decostruire i pregiudizi e gli stereotipi che vengono utilizzati per “giustificarlo”.

È quindi importante che in momenti dedicati ma soprattutto nelle vostre ore di lezione troviate il modo di parlare di razzismo, di antisemitismo, di sessismo, di islamofobia, di omofobia e di diversità in generale.
Rispetto allo specifico del bullismo omofobico, fondamentale è sviluppare conoscenza e consapevolezza. Esaminare i propri comportamenti e opinioni circa la sessualità e considerare le proprie contraddizioni.

Esaminate il linguaggio che usate quotidianamente: partite dal presupposto che in tutte le classi ci sono studenti non eterosessuali e considerate se il linguaggio che usate quotidianamente riflette questa situazione.

Ricordate che circa 1 studente su 15 non è eterosessuale; è molto probabile quindi che in ogni classe ci sia almeno uno studente o una studentessa lgbt. Usate le parole “lesbica”, “gay”, “bisessuale” e “transgender” come parte del vocabolario quotidiano. Usate un linguaggio che ammetta possibilità lgbt (lesbiche, gay, bisessuali, transgender): per esempio “partner” invece di “ragazza/o”.

Se si definisce l’omosessualità chiedete che venga definita anche l’eterosessualità in modo da non confermare l’idea di una norma e di un’eccezione. Parlate di “origine”, piuttosto che di “causa” dell’orientamento sessuale.

LEGGI TUTTO QUELLO CHE PUOI FARE QUI A PAGINA 32